Vuoi andare in pensione? Quando e quanto.

Arriva il momento, nella nostra lunga e tormentata carriera scolastica, di fare il punto della situazione per capire QUANDO potremo andare in pensione e, specialmente, a QUANTO ammonterà il nostro assegno pensionistico mensile in relazione ai nostri anni di servizio.

Devo essere sincero, durante la mia trentennale esperienza di consulente sindacale dello SNALS ne ho viste di tutti i colori: c’è chi non vede l’ora di andarsene e incomincia per tempo a porsi queste domande, a volte anche troppo presto (5/6 anni prima), c’è chi, invece, si dimentica che dovrà andare in pensione (prima o poi) e magari si ritrova abbondantemente oltre i 40 anni di servizio senza capire che con una determinata modalità o per effetto di una particolare norma, avrebbe potuto fruire della quiescenza già da qualche anno.

Una cosa è certa, trovo spesso confusione e/o poca conoscenza delle norme in vigore e spesso la convinzione di dover, a tutti i costi e per forza, subire delle decurtazioni o tagli dell’assegno pensionistico. Ed, invece, salvo qualche particolare caso (per esempio l’ “opzione donna”) non sono previste riduzioni di pensione bensì la corresponsione di una pensione commisurata all’effettiva anzianità pensionistica maturata. Che poi l’importo della pensione calcolata in molti casi sia effettivamente inferiore all’ultimo stipendio percepito, questo è un altro discorso: ciò dipende dal meccanismo introdotto a partire dal 01/01/2012 che prevede, da quella data, il calcolo interamente contributivo anziché il retributivo o misto. Più ci allontaniamo da quella data e più si farà sentire la differenza tra ultimo stipendio e pensione.

Col passare del tempo, il meccanismo introdotto nel 2012, incide sempre più nel calcolo della pensione. Gradualmente diminuiscono gli anni che prevedono il calcolo retributivo o misto e aumentano sempre più gli anni che prevedono il calcolo contributivo.

Resta l’attuale regola, anche un po’ mal digerita, della cosiddetta Legge Fornero che, finché dura, prevede attualmente una anzianità minima di 41 anni e 10 mesi per le donne e 42 anni e 10 mesi per gli uomini a prescindere dall’età anagrafica.

Per qualsiasi altra informazione sull’argomento consulta le pagine riservate dello Snals di Venezia dedicate esclusivamente ai soci iscritti.

Ve-Mestre, 24 settembre 2022

Piero Battistich – Webmaster snalsvenezia.it – Segreteria Provinciale SNALS di Venezia