07/09/2020 – Conferimento delle supplenze annuali e sino al termine delle attività didattiche da GAE e da GPS – scheda n. 211 –

Prima la pubblicizzazione nell’albo e nel sito web dell’ambito territoriale provinciale del quadro complessivo delle disponibilità e del calendario delle convocazioni.

Poi il via alle operazioni, forse in modalità telematica.

In attesa del provvedimento dell’USR.

LE SCHEDE DELLO SNALS – SCHEDA n. 211 –

Chi può accettare le supplenze  – Hanno titolo a conseguire le supplenze mediante l’accettazione scritta della proposta gli aspiranti, utilmente collocati nelle GAE e, in subordine, nelle GPS, presenti alla convocazione, personalmente o tramite persona munita di specifica delega. Hanno anche titolo alla supplenza gli aspiranti che abbiano fatto pervenire delega preventiva di accettazione al dirigente responsabile delle operazioni, secondo quanto determinato dall’Ufficio competente.

Chi non ha titolo  – Non hanno titolo a conseguire le supplenze gli aspiranti che non siano presenti alla convocazione e che non abbiano delegato alcuno.

Attenzione  – Con provvedimento della direzione generale possono essere disciplinate convocazioni e attribuzioni in modalità telematica.

Operazioni propedeutiche  – Le operazioni di conferimento delle supplenze annuali o delle supplenze temporanee sino al termine delle attività didattiche sono precedute dalla pubblicizzazione nell’albo e nel sito web dell’ambito territoriale provinciale:

a) del quadro complessivo delle disponibilità e delle relative sedi cui si riferiscono;

b) del calendario delle convocazioni.

Aggiornamento dati sulle disponibilità delle sedi  – Nel corso delle operazioni i dati sono costantemente aggiornati per dare conto delle operazioni effettuate e sono resi pubblici, al termine delle quotidiane operazioni di conferimento, con la pubblicazione nell’albo e nel sito web dell’ambito territoriale provinciale.

Sostegno  – I posti di sostegno sono conferiti agli aspiranti forniti del titolo di specializzazione dalle GAE e dalle GPS con priorità rispetto alle altre tipologie di insegnamenti su posti o cattedre comuni.

Ai fini del conferimento delle supplenze su posti di sostegno, sono prioritariamente scorsi gli elenchi aggiuntivi alle GAE, divisi per grado, con le seguenti specificazioni:

a) per gli elenchi di sostegno per la scuola dell’infanzia e primaria, gli aspiranti sono inclusi con la medesima posizione di fascia e punteggio con cui risultano inclusi nella corrispettiva GAE;

b) per gli elenchi di sostegno per la scuola secondaria di primo e secondo grado, gli aspiranti sono inclusi in base alla migliore collocazione di fascia con cui figurano in una qualsiasi GAE di scuola secondaria del relativo grado e col corrispondente punteggio.

 In caso di incapienza degli elenchi si procede allo scorrimento delle GPS di prima e poi di seconda fascia per il sostegno per il relativo grado.

In caso di ulteriore incapienza, si procede all’individuazione dell’aspirante privo di titolo di specializzazione, attraverso lo scorrimento delle GAE e, in subordine, delle GPS del grado relativo, sulla base della migliore collocazione di fascia col relativo miglior punteggio.

L’accettazione  – L’accettazione di una proposta di supplenza non consente il rifacimento delle  operazioni, neppure in presenza di disponibilità successive che si determinano, anche per effetto di rinuncia. In tal caso si scorre la graduatoria e si attribuiscono le nuove supplenze agli aspiranti che precedentemente non sono stati destinatari di proposte di assunzione.

Il conferimento della supplenza si perfeziona con la stipula del contratto di lavoro a tempo determinato, sottoscritto dal dirigente scolastico e dal docente interessato, che produce effetti dal giorno dell’assunzione in servizio fino al seguente termine:

a) per le supplenze annuali, fino al 31 agosto;

b) per le supplenze temporanee fino al termine delle attività didattiche, fino al 30 giugno .

Supplenze ad orario non intero L’aspirante cui è conferita una supplenza a orario non intero in caso di assenza di posti interi, conserva titolo, in relazione alle utili posizioni occupate nelle diverse graduatorie di supplenza, a conseguire il completamento d’orario, esclusivamente nell’ambito della provincia di inserimento, fino al raggiungimento dell’orario obbligatorio di insegnamento previsto per il corrispondente personale di ruolo, tramite altre supplenze su posti non interi  ma anche mediante il frazionamento orario delle relative disponibilità, salvaguardando in ogni caso l’unicità dell’insegnamento nella classe e nelle attività di sostegno.

La rinuncia  Gli aspiranti che abbiano rinunciato a una proposta di assunzione non hanno più titolo,  sulla base delle GAE e GPS, a ulteriori proposte di supplenze per disponibilità sopraggiunte relative alla medesima graduatoria o a posti di sostegno per il medesimo anno scolastico.

Durante il periodo occorrente per il completamento delle operazioni ed esclusivamente prima della stipula dei relativi contratti, è ammessa la rinuncia ad una proposta di assunzione per supplenza temporanea sino al termine delle attività didattiche per l’accettazione successiva di supplenza annuale per il medesimo o diverso insegnamento.

Il personale in servizio per supplenza conferita sulla base delle graduatorie di istituto ha facoltà di lasciare tale supplenza per accettare una supplenza  annuale o sino al termine delle attività didattiche.

La mancata assunzione di servizio – La mancata assunzione di servizio dopo l’accettazione comporta la perdita della possibilità di conseguire supplenze, sia sulla base delle GAE che delle GPS che delle graduatorie di istituto, per il medesimo insegnamento e per l’as. in corso.

L’abbandono del servizio – L’abbandono del servizio comporta la perdita della possibilità di conseguire supplenze, sia sulla base delle GAE e delle GPS che sulla base delle graduatorie di istituto, per tutte le graduatorie di tutti i posti o classi di concorso ove l’aspirante è inserito, per l’anno scolastico in corso.