26/03/2020 – DAD – La valutazione e le riunioni degli organi collegiali – Scheda n. 195 –

DAD al tempo del Coronavirus

Punti di riflessione e di  discussione

Scheda  Snals n. 195

La valutazione

Un punto fermo. La valutazione è effettuata dai docenti nell’esercizio della propria autonomia professionale, secondo le modalità e i criteri approvati in collegio dei docenti e inseriti nel PTOF.

Nella condizione particolare ( DAD) la varietà degli strumenti utilizzati dal singolo docente  per la didattica a distanza (a seconda delle piattaforme liberamente scelte) consente comunque la valutazione degli apprendimenti.

Anche in tempo di Coronavirus sono vigenti i principi della scuola dell’autonomia e i diritti della comunità scolastica nonché le norme sulla valutazione (Dpr 122/2009, D.lgs 62/2017). Non c’è nulla da inventarsi. Nonostante incursioni ministeriali in tema di autonomia scolastica, cui tanti DS –dispiace dirlo – si sono mostrati “ sensibili” la valutazione è competenza di ogni docente. Come al solito. Persino la più recente normativa non ha potuto non riconoscere che Le forme, le metodologie e gli strumenti per procedere alla valutazione in itinere degli apprendimenti, propedeutica alla valutazione finale, rientrano nella competenza di ciascun insegnante e hanno a riferimento i criteri approvati dal Cdd. La riflessione sul processo formativo compiuto nel corso dell’attuale periodo di sospensione dell’attività didattica in presenza sarà come di consueto condivisa dall’intero Consiglio di Classe”. (nota dip.n.388 del 17.3.2020).

In definitiva la normativa vigente “lascia la dimensione docimologica ai docenti, senza istruire particolari protocolli che sono più fonte di tradizione che normativa.” (Nota dipartimentale dell’8-3-2020)

Le riunioni degli organi collegiali

Tutti d’accordo che non si fanno riunioni in presenza. E’ possibile, invece, convocare  a distanza un consiglio di classe, un gruppo, un dipartimento?

Intanto parliamo  SOLO  degli impegni già calendarizzati, cioè di quelli già previsti nel piano annuale delle attività funzionali docenti.  Di  quelli occorre valutarne la necessità e l’opportunità. Le riunioni richiedono tempo ed è utile che ai docenti sia lasciato più tempo da dedicare alla DAD, modalità che – oltre tutto -comporta anche mantenere un rapporto costante tra insegnanti,  allo scopo di evitare sovrapposizioni di attività e disorganicità.

Quindi riunioni in via telematica solo in casi particolari e per attività improrogabili.

Mestre, 26 marzo 2020