01/03/2020 – Scheda n. 186 – La pulizia degli ambienti scolastici dopo la chiusura delle scuole per Coronavirus – Promemoria

LE SCHEDE DELLO SNALS

VISUALIZZA E STAMPA IL TESTO IN FORMATO PDF

  1. Partiamo dai doveri di ognuno:
  2. tutti devono collaborare per contrastare e contenere il diffondersi del virus COVID-19;
  3. ognuno assolve ai compiti che il suo ruolo gli assegna;
  4. va tutelato il diritto alla salute di tutti;
  5. vanno rispettati i diritti di ognuno.
  • I doveri del collaboratore scolastico (da CCNL/2007)

Esegue, nell’ambito di specifiche istruzioni e con responsabilità connessa alla corretta esecuzione del proprio lavoro, attività caratterizzata da procedure ben definite che richiedono preparazione non specialistica. E’ addetto ai servizi generali della scuola con compiti  … di pulizia dei locali, degli spazi scolastici e degli arredi.

  • Le norme di riferimento

a. Il Ministero Salute (nota 5443 del 22.2.2020)  tratta l’argomento in  Pulizia di ambienti non sanitari, tra cui le Scuole,  madove abbiano soggiornato casi confermati di COVID-19 prima di essere stati ospedalizzati.

In questi locali verranno applicate le misure di pulizia di seguito riportate:

A causa della possibile sopravvivenza del virus nell’ambiente per diverso tempo, i luoghi e le aree potenzialmente contaminati da SARS-CoV-2 devono essere sottoposti a completa pulizia con acqua e detergenti comuni prima di essere nuovamente utilizzati. Per la decontaminazione, si raccomanda l’uso di ipoclorito di sodio 0,1% dopo pulizia. Per le superfici che possono essere danneggiate dall’ipoclorito di sodio, utilizzare etanolo al 70% dopo pulizia con un detergente neutro.  Durante le operazioni di pulizia con prodotti chimici, assicurare la ventilazione degli ambienti.

Tutte le operazioni di pulizia devono essere condotte da personale che indossa DPI (filtrante respiratorio FFP2 o FFP3, protezione facciale, guanti monouso, camice monouso impermeabile a maniche lunghe, e seguire le misure indicate per la rimozione in sicurezza dei DPI (svestizione). Dopo l’uso, i DPI monouso vanno smaltiti come materiale potenzialmente infetto.

Vanno pulite con particolare attenzione tutte le superfici toccate di frequente, quali superfici di muri, porte e finestre, superfici dei servizi igienici e sanitari. La biancheria da letto, le tende e altri materiali di tessuto devono essere sottoposti a un ciclo di lavaggio con acqua calda a 90°C e detergente. Qualora non sia possibile il lavaggio a 90°C per le caratteristiche del tessuto, addizionare il ciclo di lavaggio con candeggina o prodotti a base di ipoclorito di sodio).

            Non pare che nelle nostre scuole  abbiano soggiornato casi confermati di COVID-19

(dove “CO” sta per corona, “VI” per virus, “D” per disease-malattia e “19” indica l’anno in cui si è manifestata).

b. L’USR Veneto (nota n. 3474 del 28.2.2020) suggerisce che

  • gli “ ambienti [siano] adeguatamente trattati dal personale addetto alle pulizie assegnato alle II.SS.AA”;
  • vengano effettuate tutte le azioni necessarie a garantire la pronta pulizia dei locali scolastici, in modo da favorire il regolare rientro degli studenti e del personale a scuola … .
  • Conclusioni:
    • Sarà utile fornire al personale delle indicazioni precise, puntuali, verificabili.

A tutela di tutti.  Verosimilmente, quello che può essere fatto dal personale è la pulizia con acqua e detergenti comuni.

  • Difficile poter parlare di decontaminazione, di uso di prodotti chimici particolari Servono persone con preparazione  specialistica e che devono indossare dispositivi di protezione individuale (DPI – filtrante respiratorio FFP2 o FFP3, protezione facciale, guanti monouso, camice monouso impermeabile a maniche lunghe… )
    • Le operazioni di pulizia vanno svolte nel normale orario di servizio dal personale addetto.
    • Le regole vanno rispettate da tutti ma non si rendano difficili e complicate anche le cose che si possono affrontare e risolvere con un certo buon senso.

Siamo solo all’inizio ma si è già sentito di tutto: soluzioni fantasiose, gravose per il personale, al limite dell’arroganza.